InBottiglia Torrevilla

Un prodotto particolare che riveste sempre una grande importanza nell’economia enologica locale è il vino spillato direttamente dalla botte per l’imbottigliamento famigliare.

In Oltrepò la tradizione di imbottigliare il vino in primavera per ottenere la “presa di spuma” naturale in seguito alla rifermentazione in bottiglia è vecchia di generazioni.

Torrevilla al riguardo non intende assolutamente ripudiare la propria origine e, custodendo gelosamente nei meandri delle cantine le botti contenenti i grandi vini rossi e le bottiglie di spumante classico in fase di affinamento che andranno a portare gioia e grandi “messaggi organolettici” sulle tavole dei ristoranti, ogni primavera presenta il buon vino d’annata da destinare al piccolo imbottigliamento domestico.

Questa è una pratica che il padre tramanda al figlio con la raccomandazione di seguire la tradizione del passato: imbottigliare nella giusta fase lunare e mai nelle giornate ventose. Se ciò sia scientificamente provato o meno poco interessa, perché non conta solo la scienza: il vino richiede importanti conoscenze tecniche, ma è anche, forse soprattutto, una questione di cuore e di passione, che spesso si modula nelle voci della tradizione popolare.

Perché questa pratica sia portata a termine nel modo più opportuno, potete seguire le indicazioni del Lunario oppure richiedere il volume “Divertirsi in cantina”: un manuale per la corretta scelta dei recipienti per il trasporto, degli strumenti e degli utensili, delle bottiglie più adatte e un vademecum di consigli utili per imbottigliare il vostro vino.